Termografia a infrarosso

La termografia a infrarosso consente la determinazione delle temperature superficiali attraverso la misura dell'intensità delle radiazioni infrarosse emesse dagli oggetti nel campo di vista. Il risultato sono fotografie digitali in falsi colori, dove ad ogni pixel viene associato un colore in base all'intensità di radiazione rilevata per quel punto. La mappatura delle temperature superficiali assume un ruolo rilevante nello studio degli ammassi rocciosi, dove le anomalie termiche sono spesso riconducibili a peculiari condizioni geologiche e idrauliche in grado di fornire utili indicazioni sulla suscettibilità al crollo di blocchi di roccia.

 

 

Principali progetti

Analisi della suscettibilità al crollo della falesia di M. Pucci (Vico del Gargano, FG)
Analisi del comportamento termico di rocce lapidee in relazione a fenomeni di crollo

Pubblicazioni

Martino S. e Mazzanti P., 2014. Integrating geomechanical surveys and remote sensing for sea cliff slope stability analysis: the Mt. Pucci case study (Italy) Nat. Hazards Earth Syst. Sci., Vol. 14, pp. 831–848, DOI: 10.5194/nhess-14-831-2014.